5G: È davvero così pericoloso?

Immagine 5G

Fin dal suo annuncio, il 5G è oggetto di discussione di moltissime persone a causa del suo potenziale rischio di causare effetti dannosi.

Cos'è il 5G?

Immagine che raffigura le ultime 3 generazioni di telefonia mobile.

Il 5G è la quinta generazione di telefonia mobile, andrà a sostituire la precedente generazione 4G apportando numerose migliorie, tra cui: velocità di trasmissione più elevata, minore latenza, supporto ad un maggior numero di dispositivi connessi contemporaneamente e molte altre migliorie. La diffusione del 5G è stata pianificata per il 2020, ma ancora oggi questa tecnologia è in fase di test e già alcuni modelli recenti di smartphone ne sono compatibili.

A cosa serve il 5G?

Molte persone pensano che il 5G significhi principalmente una connessione internet più veloce, ebbene sì, ma è una risposta non del tutto completa, questa nuova tecnologia permetterà di connettere decine di migliaia di dispositivi tra loro con una bassa latenza, ma cosa cambierà realmente? Per l’uso che facciamo con il nostro smartphone: quasi niente. Questa tecnologia servirà perlopiù nell’ambito dell’IOT (Internet Of Things), ovvero l’uso di internet esteso al mondo degli oggetti, e permetterà di gestire tutto il flusso di dati proveniente da essi.

La pericolosità del 5G

È oggetto di discussione la pericolosità del 5G a causa dell’uso massiccio della banda più alta dello spettro, ma questo non significa che si tratta di frequenze mai utilizzate prima, infatti non sono frequenze nuove, quello che è nuovo è il modo in cui vengono combinate per ricreare l’infrastruttura di comunicazione. Le frequenze con cui lavora il 5G esistono già da tempo e venivano usate in ambiti militari. Se dovessimo dire che il 5G faccia male, non potremmo dirlo, proprio come non potremmo dire che non faccia male. Infatti non c’è certezza né dell’una né dell’altra cosa.

Antenna 5G che emana segnali

Gli effetti del 5G sul Covid-19

In questi mesi si stanno diffondendo numerosissime fake news che collegano il 5G all’epidemia di Covid-19. Tutte queste notizie sono non vere e infondate. Un problema di queste fake news è l’aver portato alcune persone persino a bruciare le antenne 5G. Ad inizio aprile è stato registrato un aumento del 38% delle fake news. Non è stato dimostrato nessun collegamento tra il 5G e la diffusione del covid-19.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *